San Giorgio: minoranza presenta mozione di sfiducia al Sindaco Mattiussi

655

Sarebbe stata depositata ieri, lunedì 24 maggio, la mozione di sfiducia firmata da tutti i consiglieri di minoranza (Città Futura, Uniti per San Giorgio, San Giorgio democratica) del Consiglio comunale di San Giorgio di Nogaro, è questa l’indiscrezione più importante che trapela dalla riunione dei capigruppo con il Sindaco, Roberto Mattiussi, tenutasi ieri, in vista del prossimo Consiglio comunale che verrà convocato il 31 maggio.

La crisi è quindi entrata nel vivo. La mozione di sfiducia non potrà essere discussa prima di 10 giorni e dopo 30 giorni dal suo deposito e quindi sarà necessario un successivo Consiglio comunale a quello del 31 maggio che si terrà quindi a giugno, dove si scopriranno le reali chance di tenuta della maggioranza targata Mattiussi.

Da quanto trapela dalla riunione dei capigruppo di ieri, durante il Consiglio comunale del 31 maggio, tra i vari punti all’ordine del giorno, oltre al bilancio di previsione sarà discussa la delibera sulla variante 48 che è stata protagonista, suo malgrado, della spaccatura dei due gruppi di maggioranza: Per Mattiussi Sindaco e Cambiamento responsabile e di una recente sentenza del Tar.

La situazione è sempre fluida (forse gassosa) al punto che ogni previsione in questo momento appare azzardata. Per essere approvata la mozione di sfiducia ha bisogno dei voti favorevoli, oltre che dei consiglieri della minoranza, di almeno altri tre della maggioranza nella condizione di presenza di tutti i consiglieri. Se ci fossero della assenze tra i banchi della maggioranza o dell’opposizione i conti sarebbero tutti da rifare.

Bassaparola.it è un blog e non una testata giornalistica, non essendo aggiornato con continuità. Se ci fossero degli errori o dei refusi nelle informazioni riportate si prega di segnalare e provvederemo a rettificare tempestivamente. Volete raccontare la vostra attività o la vostra associazione? Scriveteci a: info.bassaparola@gmail.com whatsapp: 3451614471