Cantano “Bella ciao” in Chiesa, il parroco blocca il coro di alunni

1070

“Va bene la pace, ma “Bella ciao” in chiesa e’ una bestemmia”. Con queste parole, riportate oggi in un articolo di Paola Beltrame su Il Messaggero Veneto, sabato scorso il Parroco di Castions di Strada ha bloccato il coro della scuola media protestando per l’inopportunita’ del canto in chiesa.

L’evento in questione e’ “Percorsi di pace” a conclusione delle manifestazioni per il Centenario della fine della Grande Guerra, organizzato dall’Istituto comprensivo di Mortegliano-Castions, dal comune di Castions e dalla stessa Parrocchia a cui sono intervenuti il direttore del centro Balducci, don Luigi Di Piazza, lo storico Pennazzato, e gli alunni della scuola media.

Oltre al canto partigiano, anche i versi di De Andre’ “Sparagli Piero, sparagli ora” non sono apparsi adeguati al luogo sacro al parroco, ma anche a un residente, intervenuto a gran voce dai banchi della chiesa, come riporta il noto quotidiano.

In paese intanto scoppia la polemica. Il Comitato Per le tradizioni di Castions di Strada stigmatizza il canto partigiano come una forzatura in Chiesa.

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami