CERVIGNANO. Polemica su Strassoldo tra i borghi più belli. Tomaselli: L’idea (bocciata) era partita da Rossetti

397

Non si placa la polemica su Strassoldo tra i Borghi più belli. Sono le associazioni che non vogliono dimenticare da dove nasce l’dea e chi allora si era battuto e ha poi continuato a impegnarsi per fare in modo che avesse seguito. Chi oggi è paladino di Strassoldo tra i borghi più belli, nel 2012 aveva votato contro la mozione e, una volta riveduta la posizione, come è lecito che sia, non ha fatto alcun accenno a quelli che allora si batterono per la causa. Una questione squisitamente di stile. La delibera del 2012 è in calce.

“Ci fa grande piacere prendere atto dalla stampa che l’Amministrazione Comunale di Cervignano abbia imboccato un’altra direzione, rispetto al 2012, quando invece la proposta “Strassoldo tra i borghi più belli d’Italia” fu bocciata in Consiglio Comunale dall’allora amministrazione Savino e da diversi esponenti dell’attuale giunta. L’idea -spiega il Presidente di Cervignano Nostra, Michele Tomaselli- era partita dall’allora capogruppo Antonio Rossetti del gruppo politico Le Fontane. Noi di Cervignano Nostra, non abbiamo mai smesso di crederci ed abbiamo continuato a lavorare per raggiungere tale traguardo”.

“Ringraziamo l’Amministrazione Comunale per averne ora capito l’importanza; nei nostri programmi deliberati dalle assemblee generali annuali, tale obbiettivo è sempre stato una priorità. Ci voleva però un cambio di visione politica -aggiunge Tomaselli- per comprendere l’importanza della valorizzazione turistica, culturale ed economica di Strassoldo, anche dopo l’adesione della vicina Palmanova al prestigioso Club, ma sopratutto onde consentire una fruizione turistica e di qualità del nostro territorio legata alla pista ciclabile Alpe Adria”.

“A tal proposito, da oltre un anno stiamo lavorando con la Pro Loco “Amici di Strassoldo” per la realizzazione di un volume appunto su Strassoldo, con l’obiettivo -continua Tomaselli- di far deliberare alla Giunta, e il prima possibile, l’ingresso di questa meravigliosa borgata nel circuito “I Borghi più belli d’Italia”. Realizzeremo la pubblicazione nel 2019, nel 50esimo anniversario della costituzione della Pro Loco “Amici di Strassoldo” e dedicheremo un ampio spazio alla sua fondatrice: la baronessa Fausta Lapenna Mancini (laureata in giurisprudenza e scienze politiche e giornalista) che nel 1969 diventò il primo presidente. Amica di Marco Panella e del giornalista Mario Pannunzio sposò Alberto Mancini, commissario straordinario del comune di Roma che in contrasto col regime fascista decise di dimettersi, diventando poi un alto dirigente della Montedison”.

“Il volume sarà realizzato con la semplicità di una guida, grazie ai contributi di Antonio Rossetti, Stefano Perini, Giuseppe Garbin, Michele Tomaselli, Orsola Venturini, Raimondo Strassoldo e Gabriella William di Strassoldo. Chiediamo -conclude Tomaselli- all’Amministrazione Comunale di sostenerci e di coinvolgerci in questo percorso che da anni stiamo portando avanti, ma anche di realizzare una festa tutt’assieme, per sancire l’ingresso di Strassoldo tra le borgate più belle d’Italia.”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami