Al via Friuli Doc. Fedriga: “Le code per i prodotti tipici sono un orgoglio, altroché Starbucks”

595

L’orgoglio di rappresentare una regione che predilige degustare i prodotti del proprio territorio è stato espresso dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, intervenendo all’inaugurazione della 24ma edizione di Friuli Doc a Udine.

Fedriga, che ha tagliato il nastro inaugurale con la chef e testimonial Antonia Klugmann, ha evidenziato la rilevanza che il settore agroalimentare, assieme alla enogastronomia, ha in Friuli Venezia Giulia e ha ricordato che, secondo recenti indagini sulle tendenze del mercato turistico internazionale, il 23 per cento dei visitatori sceglie la meta delle proprie vacanze sulla base di ciò che vi potrà degustare.

Il governatore ha poi partecipato all’apertura del villaggio allestito dall’Ersa, l’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale, in via Mercatovecchio: in sedici tappe e altrettanti stand, sarà possibile fino a domenica degustare le produzioni certificate e di qualità dell’agroalimentare del Friuli Venezia Giulia.

Fedriga nell’occasione ha ringraziato Ersa per la riuscita dell’allestimento e per avere difeso in questi anni i prodotti del territorio, garantendo la qualità del made in Friuli Venezia Giulia, predisponendo controlli, anche attraverso la certificazione Aqua, che fanno sì che le produzioni siano salutari, genuine, di pregio; si è, infine, soffermato sulle peculiarità che caratterizzano il Friuli Venezia Giulia, una regione di piccole dimensioni ma ricca di tipicità che rappresentano una ricchezza da valorizzare.

In occasione dell’inaugurazione del villaggio dell’Ersa, è intervenuto anche l’assessore alle Risorse agroalimentari e forestali, Stefano Zannier, per rimarcare la scelta dell’Ente di sviluppo di far degustare al grande pubblico di Friuli Doc le produzioni di eccellenza del nostro territorio, delle quali la comunità regionale può e deve essere orgogliosa, in quanto esse rappresentano un elemento attrattivo nei confronti dell’intero Friuli Venezia Giulia.

Costituiscono infatti, ha fatto notare Zannier, un investimento per l’intera economia regionale, perché rappresentano un volano di crescita dell’economia; una crescita alla quale possono concorrere tutti i cittadini, prediligendo l’acquisto, ha indicato l’assessore, di prodotti realizzati nella nostra terra.

Sull’importanza, sotto il profilo turistico, dell’evento Friuli Doc, si è soffermato l’assessore regionale alle Attività produttive, Sergio Bini, il quale ha ricordato che si tratta di una grande festa, ricca di occasioni di qualità e di eccellenze, che rappresenta un’importante momento per far conoscere la città e l’intero Friuli Venezia Giulia.

FONTE: notizie dalla Giunta FVG

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami