SAN GIORGIO-UDINE. Addio all’ingegner Domenico Taverna, ha “costruito” la storia del Friuli

1199

Immagine da Il Messaggero Veneto

E’ morto l’ingegner Domenico Taverna, leader per decenni dei costruttori edili di Confindustria Udine, della Regione e del Triveneto. Si è spento nella sua casa in via Viola a Udine, ma lascia un grande vuoto anche a San Giorgio di Nogaro dove era nato il 7 agosto del 1925. In paese tornava spesso, almeno fino a quando la salute glielo aveva permesso. Chi ha avuto la fortuna di conoscerlo, non può che stimarne lo spessore intellettuale e le grandi capacità imprenditoriali.

L’ingegnere era la terza generazione dell’omonima azienda di famiglia che tra gli anni Cinquanta e Settata contava 400 dipendenti. Il padre Archimede fu parlamentare del Partito Liberale italiano. L’azienda è molto nota per i lavori di dragaggi delle Lagune di Grado e di Marano, i porti di Monfalcone e di Arbatax a Tripoli, la pagoda di Lignano Pineta ma anche del ponte sull’Isonzo.

L’ingegnere si era laureato a Padova, fu consigliere della Banca del Friuli e della Cassa Edile e voce dei costruttori friulani a Roma. Nel 2002 entrò come socio di minoranza prima e poi di maggioranza, nella Icop dell’ingegner Paolo Petrucco che quattro anni fa rilevò la totalità delle quote.

L’ingegnere amava il castello di Rive di Arcano che ricostruì da cima a fondo senza contributi. La sua passione lo portò a far parte del Consorzio per la salvaguardia dei castelli storici del Friuli Venezia Giulia. I funerali saranno celebrati domani al tempio Ossario alle 17.

Nel 2014, insieme all’ingegner Petrucco e all’Università di Udine, ha creato il museo patrimonio edile per la valorizzazione della cultura materiale dell’edilizia in regione. Obiettivo dell’ingegner Petrucco è di creare con l’Ance un’associazione intestata alla famiglia Taverna.

Oggi Il Messaggero Veneto ricorda con un ampio servizio a firma di Davide Vicedomini l’ingegner Domenico Taverna

 

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami