SAN GIORGIO al voto. Gli Orlandiani affossano la candidatura del Renziano SALVADOR

93

Il circolo dem di San Giorgio non gradisce la candidatura di Daniele Salvador a sindaco, questo il risultato che emergerebbe da una consultazione fra gli iscritti.

Ma andiamo per ordine. E’ fine giugno quando il circolo dem di San Giorgio di Nogaro, orfano del sindaco Pietro Del Frate, per mettere ordine alle tante voci che si rincorrono su una spaccatura in vista delle comunali 2018, decide di indire fra gli iscritti una consultazione sul futuro pretendente alla poltrona di primo cittadino. Due i candidati, entrambi Renziani, a disposizione del partito per la corsa a sindaco: il vicesindaco Daniele Salvador e l’assessore Davide Bonetto. Si va alla conta. I soliti ben informati assicurano che l’idea di sondare sia stata in origine di un’Orlandiano (-a) ben certo (-a) –a parole- della forza di Salvador. Passano le settimane e alcuni iscritti raccontano di essere stati chiamati dal direttivo dem e di essere stati ascolti nella massima liberta’.

Giovedì sera, mentre mezzo paese annaspava senza corrente elettrica a causa della bufera del pomeriggio, il direttivo Pd si e’ riunito in centro al paese, vicino al bar Posta. Qualcuno, dai condomini vicino e qualcuno che passava di la’ casualmente, descrive i toni come “assai accesi e non proprio concilianti”. L’indice di gradimento di Bonetto toccherebbe l’80% degli iscritti, a Salvador e agli indecisi restano le briciole. Salvador, che alle regionali potrebbe aiutare il presidente del Consiglio regionale Franco Iacop e non alcuni compagni di partito Sangiorgini impegnati a tessere le lodi del nuovo pretendente alla Presidenza della Regione Cristiano Shaurli, sarebbe ancora sorpreso del poco consenso riscosso e avrebbe anche capito di esser caduto nel vortice del 2018 quando comunali, regionali e politiche si incroceranno. La coperta e’ corta e non basterà per tutti, e gli Orlandiani ben lo sanno.

Ormai indietro non si torna, a proporre la candidatura di Salvador non potra’ essere piu’ il partito in cui milita che ha scelto un’altra via. Il vicolo e’ cieco.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami