PROFUGHI. Villa Vicentina non intende aderire allo SPRAR

128

Il comune di Villa Vicentina non ha intenzione di aderire allo Sprar, il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati in Italia. Il progetto vede come capofila il comune di Cervignano e aderiranno diversi comuni dell’Uti Agro Aquileiese come spiegato anche dal Messaggero Veneto (clicca QUI). Ma non tutti i comuni aderiranno  e oltre Bicinicco, Palmanova e Fiumicello, si aggiungerebbe anche Villa Vicentina. Il sindaco di Cervignano, capofila del progetto, Gianluigi Savino, ne sarebbe stato informato in queste ore.

Il 24 settembre i cittadini di Villa e Fiumicello saranno chiamati alla urne per decidere sulla fusione dei due comuni, un passaggio delicato in cui entrambi i sindaci credono moltissimo. Lo stesso sindaco di Villa Vicentina in riunione pubblica ha rimarcato come l’obiettivo fusione fosse in programma elettorale. I richiedenti asilo nel comune di Fiumicello ad oggi sono 25 (ricordiamo che Fiumicello non aderirà allo Sprar), mentre a Villa Vicentina non ce ne sono. Le quote previste sono 18 richiedenti per Fiumicello e 6 per Villa Vicentina, quindi, calcolatrice alla mano, con la fusione non solo la quota sarebbe rispettata, ma addirittura il nuovo ente sarebbe in credito di un’unità.

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami