E’ NATO IL PROGETTO FRIAULIJ. LA PRIMA PUBBLICAZIONE SULLA BASSA a firma di SIMONA DRI

147

Il Friuli è unico, come la sua gente e la sua cultura.

Per questo è nato il progetto Friaûlij. Un progetto, venuto alla luce grazie a un gruppo di studenti universitari, che pubblica articoli delle parlate tipiche locali della lingua friulana, slovena e tedesca, che si prefigge di creare un nuovo repertorio linguistico ed una testimonianza dell’attuale situazione linguistica, ma soprattutto un mensile per tutti i locutori del territorio. Costituito totalmente da volontari, è presente in formato digitale nel suo Blog (friaulij.blogspot.it) e su Facebook (friauulij). Con una ventina di collaboratori, tra studenti, singoli e circoli culturali, la sua rete è in costante espansione, grazie ai friulani che vogliono contribuire e quelli che vogliono leggere.

due

SIMONA DRI

La prima pubblicazione porta la firma di Simona Dri, 20enne studentessa di lettere antiche di Porpetto, che spiega le varietà linguistiche che si possono trovare nella Bassa Friulana.

“…cercare di tenerle tutte in considerazione sarebbe un’impresa, se non altro per il fatto che spesso certe parole cambiano senso e pronuncia da un comune all’altro, senza una precisa ragione.

Da sempre una terra di conquista e di passaggio, la zona della bassa friulana ha visto riposare e combattere sulle sue pianure un numero di popoli che, purtroppo o per fortuna, hanno lasciato sulla sua gente e sui suoi paesi la loro impronta…

“L’orcul, a dute gnot, al vosave pal paîs: “Jevait, jevait, ch’e je ore!…’E je ore di lâ a lavorâ in tai cjamps!”. Ma no ere vere parze che nol ere ancjemò vignût dì. Le int, alore, che no veve orloi e si regolave cu le lûs dal soreli, ‘e jevave, ‘e cjatave ancjemò scûr e, bruntulant, ‘e tornave in tal jet par colpe dal orcul che ju veve cjapâz in zîr”. (Tiaris d’Aquilee, pag 65,66)

“Une volte e’disevin che a le sere, dopo sunade le Ave Marie, no si doveve siarâ i barcôns; e’ varessin di sedi stâz siarâz prime. A cui che ju siarave dopo l’Ave Marie, l’orcul a’ j dave un pataf in ta muse. Ancje li’feminis, pal stes mutîf, dopo zene no podevin ne cjalâsi in tal spieli e nancje petenâsi”.
(Tiaris d’Aquilee, pag 66)

Ancje a Cjarlins l’orcul al è une vore prisint ta memorie da int, soredut par i sie striaments…

“I vecjos e’ contavin che cuanch’e lavin ju pa Cjamane o in ta Culune cu li’ vacjis, cualchi volte a j’ capitave di cjatâ cualchi bo a passon, senze paron. Alore, e’ contavin, i contadîns e’ distacavin le vacje dal cjâr e e’ tacavin chel bo apene cjatât; ma, dopo vê fat cualchi metro, chel bo al sparive! E, in tal stes moment, a’ sintivin une grande ridade: al ere l’orcul che ju veve cjolz vie”.
(Tiaris d’Aquilee, pag 66)

“A Cjarlins ‘l ere l’orcul. In plaze al meteve un pît di ca, su le cjase di Zaboghe, e un pît di lâ, e al faseve dispiez a le int. Cualchi volte al si divertive a metisi in ta stale al puest di un bo o di une vacje” (Tiaris d’Aquilee, pag 67)

Lis descriziôns dal orcolat e son tantis e ancje une vore diviarsis tra di lûr. Il sôl element che al met d’acordo ducj a je le so grandeze sproposedade; pal rest al è cui che lu descrîf come un omenat “cu li’ zocolonis” (Tiaris d’Aquilee, pag 76), o cu’ lis talpis di mus; cualchidun al dîs ch’al are alt e sec, altris ch’al are un omp bocon e panzon; cualchidun al dîs che al zirave cu le so femine, le orcule, e che e lavin insiemit a fâ dispiets a tôr pal pais; altris ch’al zirave par di plui dibessôl e che i plaseve cjalâ lis feminis e falis spaurî, o fintramai cjapâlis e mangjasalis in t’une bocjade. Ta’ basse furlane l’orcolat forsit nol è mai esistût. Però e esisteve le fan,al esisteve il frêt e il scûr da gnot, lis malatîs e ducj chei aveniments che no si rivavin a spleâ cu le logjche. Po’ dâsi che l’orcolat al fos dome l’incjarnazion di dutis lis paûris e osesiôns che e compagnavin le puare int t’a vite di ogni dì; po’ dâsi che chistis formis di credenzis e superstiziôns e judassin chê societât a sintisi plui sigure int’un mont che in chei ains di sigûr al veve pûc.
Al è ze c’al suzêt ancje cumô: sec o panzon, grant o pizzul ducj, se j pensin ben, o vin il nestri “orcolat”, e o vin di fa i conts cun lui ogni dì.
Dute le int che e conte chistis stôris a je cunvinte di ze che e dîs, e cuanche e fevele e partecipe a le conte cui vûi discocolâts, mîl anedotics che e fasin di contôr e une grande sodisfazion parze che al ê ancjemò cualchidun che al â plasê di sintî chistis contis.
Nol è impuartant indagâ se se chistis creaduris e sedin esistudis pardabon; al è invezi vitâl cognossi chistis realtâts lontanis t’al timp par riscuviarzi le essenze da nestre identitât furlane che nisun al podarâ mai partanus vie.

Italiano

“In piena notte l’orco andava gridando per il paese “Alzatevi, alzatevi! E’ l’ora!…E’ ora di andare al lavoro nei campi!”. Ma non era vero, perché il giorno non era ancora spuntato. I contadini allora, che non possedevano orologi e si regolavano con il corso del sole, si alzavano, vedevano che era ancora buio e tornavano a letto brontolando contro l’orco che li aveva presi in giro”.
(Tiaris d’Aquilee, pag 65,66)

“Un tempo dicevano che di sera, dopo il suono dell’Ave Maria, non si dovevano chiudere le finestre; era meglio farlo prima. Chi se ne fosse dimenticato rischiava di prendersi uno schiaffo dall’orco. Anche le donne, dopo cena, non potevano specchiarsi né pettinarsi, per la stessa ragione”.
(Tiaris d’Aquilee, pag 66)

Anche a Carlino l’orco è molto presente nella memoria della popolazione, specialmente a causa delle sue trasformazioni…

“Raccontavano i vecchi che quando andavano a lavorare nella Cjamane o nella Culune incontravano talvolta un bue al pascolo, senza padrone. Staccavano allora la mucca dal carro per sostituirla con il bue da poco trovato; ma, dopo aver percorso soltanto qualche metro di strada, l’animale spariva! Nello stesso istante udivano una grande risata: era l’orco che li aveva presi in giro.”
(Tiaris d’Aquilee, pag 66)

“A Carlino c’era l’orco. In piazza posava un piede un piede sulla casa di Zaboga e l’altro più in là; e poi faceva i dispetti alla gente. Talvolta si divertiva a ficcarsi in una stalla e a sostituirsi ad un bue o ad una mucca.”.
(Tiaris d’Aquilee, pag 67)…

per leggere l’intero articolo di Simona Dri sia in italiano che in friulano clicca QUI.

 

 

 

 

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami