UNIONE EST CON TORVISCOSA PALMARINA. CERVIGNANO VALE UN VOTO

Il Messaggero Veneto di oggi dedica un’intera pagina al domandone se Presidenti (o persone facenti parte del direttivo) di un’associazione che riceve contributi dall’amministrazione, possano essere o meno anche Consiglieri Comunali. Aspettando che il Sindaco di Cervignano Gianluigi Savino ci illumini sulla delicata questione, magari nel prossimo Consiglio Comunale, diamo un occhiata alla potentissima Uti agro aquileiese.

Per Statuto l’Uti agro aquileiese e’ suddivisa in due subambiti quello del palmarino e quello del cervignanese. Tale Statuto dovrà essere modificato con il passaggio, politicamente tanto discusso, di Torviscosa dall’Uti ovest a quella est. Qualche giorno fa il Sindaco Francesco Martines avrebbe chiamato a raccolta i Sindaci del suo subambito a cui avrebbe partecipato anche Torviscosa, presenti oltre lo stesso Martines, il Sindaco di Bagnaria e quello di Bicinicco, mancanti gli altri sei… Chissa’ in quale subambito andra’ Torviscosa? La logica da’ la sua presenza scontata nel subambito di Cervignano, perche’ lasciare un Comune limitrofo a Palmanova?  Questi sono i quesiti che si pongono i nostril lettori e noi li giriamo al bravo Sindaco di Cervignano.

Un altro elemento che sorprende a una prima lettura dello Statuto e’ il peso che Cervignano ha nelle decisioni di funzionamento dell’Assemblea. Ogni Sindaco puo’ esprimere un voto. In poche parole il Comune di Cervignano del Friuli vale come quello di Visco. Certo che più democratico di così Savino non poteva esserlo, ma Cervignano con i suoi 14.000 abitanti, forse, ne esce un po’ ridimensionata. Di altri tempi, con altri Sindaci, non sarebbe accaduto, dice qualche maligno.

logo

 

Notizie

About Author

bassaparola

Leave a Reply