L’AUSSA CORNO E IL GIOCO DELLE TRE CARTE

Ballano tre milioni tra la Regione Friuli Venezia Giulia e il Consorzio industriale Aussa Corno. Qualche anno fa, la Regione ha staccato un assegno da 2,6 milioni all’indirizzo della Ziac per l’acquisizione dell’area Feraul, per poi aggiungere altri 400mila euro per un progetto di riqualificazione e rinaturalizzazione dello stesso territorio. Totale, 3 milioni.

Cronaca recente. Il Consorzio è sottoposto alla liquidazione. La Regione chiede la restituzione dell’intero importo. Sarà il Consiglio Regionale, in questi giorni, con un emendamento denominato “Salva Ziac”, a stoppare la richiesta. Si parlerebbe, nuovamente, della realizzazione del progetto di naturalizzazione da parte del Consorzio.

Ci rimane da capire se i fondi ci siano ancora. E, se ci fossero, come l’Aussa Corno possa procedere a utilizzarli essendo in liquidazione. I tre liquidatori dell’Aussa Corno, per realizzare l’ormai famoso progetto, dovrebbero, infatti,  recuperare i 400.000 €, sottraendoli ai creditori del Consorzio, prime fra tutti le banche.

logo

Notizie

About Author

bassaparola

Leave a Reply